domenica 15 marzo 2015

Tutto è cominciato un anno fa....




Un anno fa ho fatto un colloquio di lavoro per un'azienda importante (meglio non fare nomi).
Mi ero preparata psicologicamente, ho curato il look in modo da non sembrare "una barbona" (ho sempre il terrore di sembrarlo) e mi sentivo sicura di potercela fare.
Non è andata bene.
Forse non ho saputo giocare bene le mie carte, probabilmente a quella selezione partecipavano delle persone più qualificate di me (magari anche libere da impegni familiari..).
Potevo cadere nella depressione (avevo bisogno di un lavoro), ma ho incassato il colpo,  da quel momento il mio mantra è  diventato "sono loro che perdono me, non io che perdo loro".
Quel fallimento mi ha fatto capire una cosa importante: non posso pensare di relegare la mia creatività al solo ambito lavorativo.
La creatività è importantissima per me, se non lo fosse non avrei certo seguito il percorso di studi che ho fatto e mi sarei accontentata di lavori più sicuri e monotoni.
Fare ogni giorno un'attività che mi permetta di concretizzare le mie idee è una delle cose (oltre alla mia famiglia) che mi rende più felice e appagata , e se non posso farlo sul lavoro devo trovare il modo di occuparmene nel tempo libero, anche senza guadagnarci nulla, anche se le mie creazioni non piacciono a nessuno (oltre a mia madre e a mia sorella).
E' stata questa la scintilla che mi ha portata ad aprire il mio blog, avevo bisogno di un impegno fisso su cui riversare la mia fantasia, anche senza fare grandi cose (tipo il vestito che vedete nelle foto di oggi), solo per il piacere di creare e per tenermi in allenamento (il mio attuale lavoro non prevede la realizzazione di cartamodelli su carta).
Non ce l'ho con l'azienda che mi ha scartata (se dovessero richiamare domani ci farei un pensierino), anzi quel no mi ha permesso di crescere e diventare più sicura di me stessa, ed in fondo il pensiero di essere stata presa in considerazione è già una piccola soddisfazione.