domenica 24 luglio 2016

La trama di una bizzarra storia d'amore


Lui era un pezzo di jeans, un blue jeans come Dio comanda, lavoratore nel DNA, ribelle per vocazione, amico del metallo, buono per tutte le stagioni, nato povero, aveva saputo salire sulle passerelle senza perdere la sua indole da duro.
Lei era una stoffa goffrata dal gusto decisamente femminile, la tendenza ad essere elastica, una rossa avvolgente dall'anima romantica, amante dell'estate, le piaceva perdersi nelle proprie fantasie, ottimista per natura, vedeva il mondo a fiorellini, aveva un sapore vintage e velleità da red-carpet, era considerata da alcuni un po' troppo leggera e trasparente (ma sono solo illazioni....).
Entrambi davano il meglio di sé dopo il lavaggio, lui preferiva trattamenti stone-washed, lei era più delicata ma si lasciava stropicciare durante l'asciugatura.
Nessuno avrebbe detto che due come loro potevano fare coppia fissa.
Sicuramente potevano essere buoni amici, stare insieme per un po', passare delle serate indimenticabili e dei pomeriggi divertenti, ma stare uniti per sempre era tutta un'altra cosa.
Due caratteri così diversi sembravano proprio incompatibili.
Una stilista-modellista con altri problemi per la testa, vide in loro delle potenzialità e volle sancire la loro unione.
Nacque così una gonna goffrata con pettorina in jeans.
Amore significa anche scendere a dei compromessi, ed un duro può accettare di essere trattato con delicatezza, mentre chi ha un aspetto fragile può mostrare anche un lato grintoso.
Durante il viaggio di nozze scoprirono che amavano stare in compagnia, ed in valigia incontrarono tanti amici con cui condividere i vari momenti della loro vita:
- Bikini ed infradito per andare in spiaggia.
- T-shirt nera e anfibi per cantare a squarciagola durante i concerti.
- Blusa di seta e sandali per lo shopping in città.
- Canotta bianca e sneakers per passeggiate in campagna.