lunedì 24 agosto 2015

Pausa estiva



Ci si accorge dell'importanza di certe cose e di certe persone solo quando vengono a mancare dalla propria vita.
Non avrei mai immaginato di sentire la mancanza del computer nella mia vita, ma dopo che si è rotto  ho capito di quanto ne fossi dipendente (proprio ad agosto si doveva rompere?!).
Passare quasi un mese senza controllare le mail, senza sbirciare i social, senza poter inviare curriculum, occuparmi saltuariamente del blog (grazie mamma!) è stata una vera e propria cura disintossicante, consiglio a tutti di farlo di tanto in tanto.
Mi è capitato di chiedermi: "ma come facevo, prima di avere una connessione internet?"
La risposta è che si può vivere anche senza internet, le informazioni di cui si ha bisogno si possono trovare in altri modi, più faticosi e impegnativi e forse più appaganti.
Ho avuto più tempo per organizzare i miei progetti, ho preparato la scaletta delle creazioni da pubblicare per i prossimi due mesi (di solito è di due settimane)
Soprattutto ho riscoperto l'importanza dei contatti umani, quelli reali, tangibili, delle persone che mi stanno accanto, senza tutte le distrazioni che la rete continuamente ci propone.